L’istruttoria

venerdì 22 ottobre 2021, ore 21 - Teatro degli Atti
sabato 23 ottobre 2021, ore 21 - Teatro degli Atti
domenica 24 ottobre, ore 16 - Teatro degli Atti


Spettacolo realizzato in collaborazione con Comune di Rimini per il Giorno della Memoria
 

Tra il 1963 e il 1965 la città di Francoforte ospita uno storico processo contro un gruppo di SS e funzionari del campo di Auschwitz. A quasi vent’anni dal processo di Norimberga, iniziativa delle potenze alleate per condannare il Terzo Reich, è il primo tentativo della Repubblica Federale Tedesca di confrontarsi con il nazionalsocialismo e i suoi crimini, tra i quali la Shoah (il genocidio di 6 milioni di ebrei europei). In un clima di aspro dibattito civile e politico sulle rimozioni e amnesie del passato, ma anche sul fallito processo di denazificazione della società tedesca del dopoguerra e sulla colpa collettiva, Peter Weiss, poliedrico scrittore e drammaturgo tedesco di origine ebraica, rielabora il materiale processuale, deposizioni di sopravvissuti e di criminali, e crea un dramma civile sotto forma di oratorio in 11 canti che intitola L’istruttoria. La pièce va subito in scena, suscitando apprezzamenti ma anche molte critiche. Lo spettatore viene trascinato da Weiss nella freddezza impersonale del contesto del processo, in cui si presentano i fatti e si mettono in contraddittorio le prove e le testimonianze, in un clima di raggelante desolazione per l’enormità del male compiuto e la terribile impotenza della giustizia umana per giudicarlo e condannarlo. Dal 1965 a oggi, L’istruttoria è stata rappresentata innumerevoli volte in tanti Paesi del mondo (in Italia, in un allestimento curato da Gigi Dall’Aglio nel 1984 per Teatro Due di Parma).
Rimini ospita per la prima volta quest’opera, realizzata da Mulino di Amleto Teatro per la regia di Dirk Ploenissen. Nella consapevolezza dell’impossibilità di rappresentare l’enormità della Shoah e non volendo aggiungere enfasi retorica o emotiva, la compagnia ha scelto di porre al centro di questa produzione una sintesi del testo, per dar vita a una lettura scenica che trae forza dalla verità fattuale delle parole.

 

Durata 1h 30 minuti