Il racconto delle cose mai accadute

venerdì 27 marzo 2020, ore 21 - Teatro degli Atti - TRACCE D contemporaneo

 

Il racconto delle cose mai accadute, nuovo lavoro dei quotidianacom che ha debuttato ad agosto 2019 alla Biennale di Venezia, si confronta con la finzione e utilizza il cinema come sorgente di materia. All’origine una constatazione: “ci commuoviamo davanti alla finzione e rimaniamo indifferenti a una tragedia reale, affettivamente compressi nella civiltà digitale”.
I due protagonisti incarnano simbolicamente due personaggi dell’immaginario cinematografico e teatrale: Nikita, la tossicomane ribelle dell’omonimo film del 1990 di Luc Besson, e Cyrano, lo spadaccino romantico creato dalla penna di Edmond Rostand nel 1897. Un incontro improbabile che mette a confronto due epoche, due sensibilità, due sguardi incompatibili tra loro che coincidono e si comprendono nella medesima incapacità di riconoscersi in una società che non accetta il diverso, colui o colei che non si piega al conformismo ipocrita e clientelare.
Un incontro che si realizza sulla scena tramite quel meccanismo drammaturgico divenuto cifra stilistica dei quotidianacom: un dialogo laconico, bisbigliato, ironico, caustico, surreale e mai scontato.