Stal Mami Reloaded

ovvero L’invenziòun ad Stal Mami
ph Elena Morosetti

ph Elena Morosetti

ph Elena Morosetti

ph Elena Morosetti

ph Elena Morosetti

ph Elena Morosetti

ph Elena Morosetti

ph Elena Morosetti

ph Elena Morosetti

ph Elena Morosetti

sabato 9 ottobre 2021, ore 21 - Teatro degli Atti
domenica 10 ottobre 2021, ore 16 - Teatro degli Atti


Cheri al mi doni stasim d’asculté”! risuona nel buio il leit motiv della Munaldeina che compare come da un sogno lontano cantando una vecchia canzone. Lei, vecchia custode di palazzo, folle e naif, ci conduce attraverso una “storia nella storia nella storia....”. Quella di Stal Mami (queste mamme) e del Borgo San Giovanni di Rimini, dove la commedia viene scritta. Compaiono, uno a uno, i protagonisti del Borgo: Tugnin l’anarchic, il barbiere che elargisce citazioni colte; Lilien, scrittore in erba, annoiato di adunate e curioso di opera e letteratura; Mengozzi, il gerarca fascista tutto d’un pezzo; i giovani e le giovani italiane che trascorrono il sabato pomeriggio fra l’obbligatoria ginnastica fascista e le burle di paese. È l’estate del 1939, Liliano Faenza non ha ancora compiuto diciassette anni e certo non sa di aver scritto la commedia in dialetto riminese più rappresentata del secolo. Stal Mami racconta uno stralcio di storia e costume riminesi, ma anche italiani e internazionali, dall’avversione fascista per le osterie, possibili covi di vizio e dissenso, alla politica ondivaga del regime nei confronti del dialetto.

Durata 1h 20 minuti



Introduce e completa il progetto STAL MAMI RELOADED, l'appuntamento:


venerdì 8 ottobre ore 17, Sala del Giudizio del Museo della Città, Rimini
1922/2022. Liliano Faenza e il fascismo a Rimini negli anni del consenso
conversazione tra Piero Meldini e Fabio Bruschi
intervengono Oriana Maroni e Davide Schinaia

ingresso libero con prenotazione obbligatoria online su ticketllandia

Vai alla presentazione dell'incontro
 

L'iniziativa è promossa dal Comune di Rimini e con il contributo del Servizio Patrimonio Culturale della Regione Emilia-Romagna, ai sensi della L.R.16/2014 “Salvaguardia e valorizzazione dei dialetti dell'Emilia-Romagna”